Krama o sciarpa a scacchi rossi e blu Cambogiana

 

Un Krama è un accessorio di abbigliamento tradizionale cambogiano. Si tratta di una larga e robusta sciarpa o scialle che può essere utilizzato come bandana, per coprire il viso, trasportare pesi o a scopo puramente ornamentale. È utilizzato da uomini e donne di ogni età.

Può essere tessuto in cotone o seta e può presentare motivi anche elaborati, ma il più comune è il vichy, di solito in rosso o blu.

I Khmer rossi ne fecero un uso distintivo: mentre in colore rosso faceva parte della loro divisa informale (assieme al vestito in cotone nero in foggia di pigiama), facevano indossare a coloro che ritenevano nemici della rivoluzione e occidentalizzati uno azzurro, che costituiva una sentenza di morte quasi certa.

È il simbolo nazionale cambogiano.

Abbigliamento in Cambogia è uno degli aspetti più importanti della cultura. Moda cambogiana varia in base a gruppo etnico e classe sociale.

fille_krama

Le persone di Khmer indossano tradizionalmente una sciarpa a scacchi chiamata Krama.

Il “krama” è ciò che separa nettamente i Khmer (cambogiani) dai loro vicini thailandesi, vietnamiti e laotiani.

La sciarpa è utilizzato per vari scopi, tra cui per lo stile, la protezione dal sole, un aiuto (per i piedi) in cui arrampicarsi sugli alberi, un’amaca per i bambini, un asciugamano, o come un “sarong”. A “krama” può anche essere facilmente modellato in bambola un bambino piccolo per giocare. Sotto i Khmer Rossi, krama di vari modelli facevano parte di capi di abbigliamento di serie.

È difficile trovare un posto per vedere il tradizionale lavoro di tessitura in un brevissimo periodo di tempo.
Krama è un regalo diffuso. La maggior parte dei visitatori acquistare come un souvenir per sé e per i loro amici.
Krama ha molti generi. Si può trovarla in alcuni negozi di souvenir con 2 dollari e anche i 5 dollari per una più spessa.

brad-pitt-krama

Brad Pitt con il Krama

krama-heritage-times-square-photograph-by-erfu-wang-e1382939485558

Su rivista di Krama Heritage

slider5

Su rivista di Krama Heritage

(scarfthings.blogspot.com)