Tham Khoun Xe : la più grande grotta del fiume nel mondo

La grotta Tham Khoun Xe, noto anche come la grotto del fiume Xe Bang Fai , è un immenso grotta fiume situato in una provincia di khammouan nel Laos centrale. Si crede di essere uno dei più grandi grotto del fiume nel mondo con enormi passaggi circa 120 metri d’altezza e 200 metri di larghezza.

tham-khoun-xe-1

La grotta Xe Bang Fai proviene nelle montagne  Annam Trung Sun che si trova al confine tra Laos e Vietnam e attraverso l’altopiano il Nakhai Plateaue si getta il fiume Mekong. Il Nakhai è composta da arenarie e carbonati massicci strati che il fiume aveva sciolto per creare Tham Khoun Xe, un canale sotterraneo lungo 7 km.

tham-khoun-xe-2

La grotta è ben noto al popolo laotiano che hanno pescato nel fiume e scalato raccolto i nidi di uccelli. La prima esplorazione europea sono state effettuate nel 1904, e poi di nuovo nel 1905 dall’esploratore francese Paul Macey e la sua squadra in zattere di bambù. Nessun ulteriore tentativi di esplorazione sono stati fatti per i prossimi novant’anni dopo che, per ragioni sconosciute, la zona è stata chiusa agli stranieri. La grotta fu finalmente aperto con grande riluttanza nel 2005-2006. Da allora, le squadre francesi e nord-americane operano nella zona.

tham-khoun-xe-3

L’ingresso della grotta è a 60 metri di altezza arco alla base di un imponente anfiteatro calcareo di 150 metri d’altezza Il passaggio del fiume, in media, è 76 metri della larghezza e 53 metri d’altezza, ma supera spesso 100 metri di larghezza in alcuni punti. I maggiori larghezze di passaggio, le squadre scoperte, erano a 200 metri. Il passaggio grotta è tra i 4-12 metri di profondità. Molti stalagmiti qui sono alte più di 20 metri, e alcune delle perle di grotta visto erano 32 cm di diametro.

tham-khoun-xe-4

tham-khoun-xe-5

tham-khoun-xe-6

tham-khoun-xe-7

tham-khoun-xe-8

tham-khoun-xe-9

tham-khoun-xe-10

tham-khoun-xe-11

tham-khoun-xe-12

tham-khoun-xe-13

tham-khoun-xe-14

tham-khoun-xe-15

Fonti: Tham Khoun Xe (caves.org) (PDF) via Wondermondo.

Foto credit: John Spies via The Daily Mail